Home

NEWS

There are no translations available.

 

261 proposte ricevute al 31 gennaio 2016 !

261 submissions up to january 31st 2016 !


Call for Papers


CIRICE 2016

VII Convegno Internazionale di Studi

Napoli, Palazzo Gravina - 27/29 ottobre 2016


Delli Aspetti de Paesi

Vecchi e nuovi Media per l’Immagine del Paesaggio


Partendo dal titolo di uno dei capitoli più significativi del Libro di Pittura

di Leonardo, si vuole porre l’attenzione sui media, ossia sulle metodologie e sulle

tecniche narrative, descrittive e grafiche adottate, nella storia moderna

e contemporanea, quali ‘diffusori’ dell’immagine del paesaggio,

e sui potenziali modelli che ne derivano ai fini della valorizzazione

del patrimonio storico paesaggistico


Comitato Scientifico:

Alfredo Buccaro, Università di Napoli Federico II - Direttore CIRICE (Coordinatore)

Aldo Aveta, Università di Napoli Federico II

Gemma Belli, Università di Napoli Federico II

Annunziata Berrino, Università di Napoli Federico II

Gilles Bertrand, Univers. Pierre-Mendès-France (Grenoble II)

Francesca Capano, Università di Napoli Federico II

Alessandro Castagnaro, Università di Napoli Federico II

Aldo Castellano, Politecnico di Milano

Salvatore Di Liello, Università di Napoli Federico II

Antonella Di Luggo, Università di Napoli Federico II

Leonardo Di Mauro, Università di Napoli Federico II

Carlo Gasparrini, Università di Napoli Federico II

Marco Iuliano, University of Liverpool

Michael Jakob, École polytechnique fédérale de Lausanne

Daniela Lepore, Università di Napoli Federico II

Paolo Macry, Università di Napoli Federico II

Andrea Maglio, Università di Napoli Federico II

Fabio Mangone, Università di Napoli Federico II

Brigitte Marin, Université d’Aix-Marseille

Bianca Gioia Marino, Università di Napoli Federico II

Juan Manuel Monterroso Montero, Universidade de Santiago de Compostela

Roberto Parisi, Università del Molise

Maria Ines Pascariello, Università di Napoli Federico II

Valentina Russo, Università di Napoli Federico II

Paolo Sanvito, Università di Napoli Federico II

Daniela Stroffolino, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Carlo Tosco, Politecnico di Torino

Carlo Maria Travaglini, Università Roma Tre

Isabella Valente, Università di Napoli Federico II

Carlo Vecce, Università di Napoli “L’Orientale”

Massimo Visone, Università di Napoli Federico II

Ornella Zerlenga, Seconda Università di Napoli

Guido Zucconi, Università IUAV di Venezia


Comitato Organizzatore:

Francesca Capano, Università di Napoli Federico II

Marco de Napoli, , Università di Napoli Federico II

Nunzia Iannone, Università di Napoli Federico II

Marco Malfi, Università di Napoli Federico II

Lia Romano, Università di Napoli Federico II

Daniela Stroffolino, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Alessandra Veropalumbo, Università di Napoli Federico II

Massimo Visone, Università di Napoli Federico II

 

MACROSESSIONE A

La costruzione storica dell’immagine del paesaggio urbano e rurale,

tra architettura, città e natura

(coordinatori: Leonardo Di Mauro, Fabio Mangone)

Alla definizione di ‘paesaggio storico’, oltre agli aspetti percettivi e sincronici, concorrono quelli culturali e diacronici, riconoscibili solo attraverso un attento lavoro storiografico sull’evoluzione urbana e sull’iconografia della città e del territorio antropizzato: si tratta di individuare, nei caratteri ‘percettibili’ di un paesaggio urbano o rurale, i segni consolidati di eventi naturali o della mano dell’uomo.


Sessione A.1

Città e paesaggi dell’Antico

(coord. Francesca Capano – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Salvatore Di Liello – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

A partire dalla prima età moderna, nell’iconografia urbana il tema dell’Antico alimenta la retorica della ‘maestà scenica’. In linea con l’Umanesimo archeologico, i ritratti di città e territori segnati dalla memoria classica diventano iperboli visive di Storia e Natura: non più solo luoghi, ma ‘laboratori di idee’ verso cui l’editoria calcografica, dal XVI secolo in poi, orienta una rilevante produzione incisoria di vestigia, città e paesaggi, presto inserita in una diffusione europea. Aggiornando contenuti e intenzioni fra Sette e Novecento, architetti, incisori, pittori e fotografi continuano a fissare immagini, costruendo modelli interpretativi in cui gli “aspetti de paesi” diventano metafora visiva che non di rado costruisce o ri-scrive il senso di città e paesaggi. La sessione intende confrontare studi e ricerche sulle possibili declinazioni del legame, a volte della frattura, tra realtà e immagine nella rappresentazione dei luoghi dell’Antico in età moderna e contemporanea.


Sessione A.2

Ritratti di fabbriche. Il paesaggio della produzione nell'iconografia urbana dell’Europa moderna e contemporanea

(coord. Roberto Parisi – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Massimo Visone – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Gli esordi anglosassoni della rivoluzione industriale e le riforme amministrative di matrice napoleonica segnano l’avvio della grande frattura che condizionerà l’evoluzione del paesaggio in età contemporanea. Tuttavia, la meccanizzazione dei processi produttivi e la divisione dei tempi e dei modi del lavoro sono fenomeni tipici della proto-industria, che affondano le radici nell’Europa medievale e moderna. La sessione intende porre l’attenzione sul ruolo e sui significati che nel lungo periodo ha assunto il paesaggio della produzione nell’iconografia urbana; sulle mentalità, sugli ingegni e sulle pratiche che hanno orientato i modi di ritrarre gli “aspetti de paesi”; sugli attori e i nuovi soggetti della rappresentazione; sui vecchi e nuovi mezzi di riproduzione.


Sessione A.3

Il racconto del paesaggio europeo nella fotografia del Novecento

(coord. Gemma Belli – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Andrea Maglio – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Sin dalla sua nascita, la fotografia si è rivelata un mezzo particolarmente efficace per rappresentare e raccontare l’ambiente urbano e il paesaggio europei: se in principio gli scatti fotografici si relazionano con la tradizione delle vedute pittoriche, ben presto tale mezzo diviene capace di usi differenti, da quello turistico-commerciale della cartolina a quello della fotografia d’autore, considerata quale opera d’arte. Oggi appare quanto mai chiaro come si tratti di un medium che non si fonda sempre sulla “precisa restituzione della natura”, come invece affermò Baudelaire, e che non necessariamente presenta finalità mimetiche. Si vuole quindi porre l’attenzione sugli aspetti tecnici, sulle scelte artistiche e sulla capacità narrativa della fotografia quale tecnica con cui rappresentare gli “aspetti de paesi”.


Sessione A.4

Il paesaggio nella cinematografia documentaria, amatoriale e d’autore

(coord. Alessandro Castagnaro – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Tra primo e secondo dopoguerra, con la diffusione della cinematografia nella sfera pubblica e in quella privata, si può disporre di un nuovo strumento per raccontare il paesaggio per immagini, mai prima d’ora proposte in movimento. Il corto e il lungometraggio divengono mezzi della propaganda di regime o supporti per documentari d’istruzione, ma anche strumenti dell’opera d’autore o luoghi delle testimonianze familiari, in cui il paesaggio urbano e rurale fa da protagonista o da semplice sfondo, offrendo oggi, in ogni caso, preziose opportunità di studio delle trasformazioni della città e del suo territorio.


Sessione A.5

L’iconografia del paesaggio agrario: uno strumento di conoscenza e tutela del territorio attraverso i secoli

(coord. Daniela Stroffolino – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it ; This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

L’agricoltura per secoli ha connotato e modellato il nostro territorio e quello di tutti i paesi fortemente antropizzati, non solo determinando la percezione complessiva del paesaggio di quei luoghi, ma coinvolgendo anche gli aspetti sociali, culturali, insediativi, infrastrutturali, architettonici. La sua rappresentazione, dal disegno alla fotografia, è legata a motivi pratico-conoscitivi (catasti, perizie, indagini governative) ma anche artistici. L’indagine di questi materiali è indispensabile per la conoscenza del nostro territorio e della sua tutela, per il recupero delle biodiversità, dei piccoli paesi, delle reti stradali e ferroviarie dismesse, delle architetture rurali, del rapporto fra terra e acqua.


MACROSESSIONE B

Descrivere, narrare e comunicare il paesaggio

(Coordinatori: Annunziata Berrino, Gilles Bertrand)

Tra età moderna e contemporanea il paesaggio viene acquisito mediante differenti generi e tipologie descrittive, per iniziative e interessi pubblici o privati, o per attività culturali. Generi e tipologie diversi rispondono a specifici scopi e motivazioni: amministrativo, fiscale, giuridico, militare, politico, scientifico, economico, informativo, culturale.


Session B.1

Descrivere, narrare e comunicare il paesaggio in età moderna

(coord. Gilles Bertrand – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Nell’età moderna la rivoluzione scientifica ha avviato un processo di acquisizione delle risorse naturali e della loro composizione funzionale ed estetica nella categoria del paesaggio. Razionalità e sensualità sono le categorie interpretative che orientano l’analisi, l’elaborazione, la narrazione. La sessione è aperta a studi e ricerche in grado di approfondire in particolare la pratica del viaggio cognitivo, che si diffonde e produce descrizioni nelle quali l’antico e il moderno vanno a costituire l’immaginario della civiltà Occidentale.


Session B.2

Descrivere, narrare e comunicare il paesaggio in età contemporanea

(coord. Annunziata Berrino – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

A partire dai primi dell’Ottocento fino ai giorni nostri, l’avanzamento incessante della tecnologia contribuisce ad accelerare i processi di acquisizione e comunicazione delle descrizioni dei paesaggi, nonché delle loro trasformazioni. La sessione è aperta a studi e ricerche che vertono sull'ampliamento e sulle specificità dei generi e delle tecniche di narrazione, e in particolare sulle modalità con le quali esse operano nella formazione dell'opinione pubblica e nell’elaborazione del discorso politico.


MACROSESSIONE C

Rappresentazione e comunicazione del paesaggio tra tradizione e innovazione

(coordinatori: Antonella Di Luggo, Ornella Zerlenga)

Si intende porre l’attenzione sulle modalità di rilievo e rappresentazione “delli aspetti de paesi” (nell’accezione più generale e contemporanea di ‘paesaggio’), approfondendone in particolare gli aspetti relativi alla scelta dei criteri, delle metodologie e delle tecniche di ‘messa in figura’ e di comunicazione sia tradizionali che innovativi.


Sessione C.1

Punti di vista geometrici e culturali per il rilievo e la rappresentazione del paesaggio urbano

(coord. Antonella di Luggo – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Ornella Zerlenga – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Nell'ambito delle fonti disciplinari, la sessione si rivolge a contributi che affrontino tematiche inerenti i fondamenti teorici del rilievo e della rappresentazione a scala urbana tra tradizione e innovazione, sia in termini di metodologie e strumenti descrittivi della realtà indagata, sia interpretativi di caratteri e/o qualità immateriali del paesaggio urbano.


Sessione C.2

Rappresentazione e modellazione del territorio naturale e artefatto: piattaforme tecnologiche per la lettura e la comunicazione dei sistemi complessi

(coord. Antonella di Luggo – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Ornella Zerlenga – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

All'interno delle nuove tecnologie informatiche per il rilevamento e la rappresentazione del territorio, la sessione si rivolge a contributi che affrontino le metodologie della misura e della modellazione con particolare attenzione ai metodi descrittivi, alla documentazione e alla catalogazione, nonché alla definizione delle norme grafiche e delle simbologie.


MACROSESSIONE D

Temporalità dei paesaggi tra memoria e immagine

(coordinatore: Aldo Aveta)

Si propone l’argomentazione e il confronto sugli aspetti della lettura, della rappresentazione e dell’immagine del paesaggio in relazione alla conservazione delle testimonianze del passato. Le modalità in cui si articola, nel corso della storia, l’attività interpretativa e la percezione dei contesti naturali e costruiti vengono indagate su più livelli disciplinari, con la prospettiva di individuare anche le attuali potenzialità dei media di agire nel campo della conservazione e della fruizione del patrimonio paesistico.


Sessione D.1

“Paesi” in mutamento. Interpretare le dinamiche di trasformazione per conservare il paesaggio storico: strumenti, metodi, esperienze

(coord. Valentina Russo – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Il carattere dinamico insito nel paesaggio si riflette sulle azioni di restauro e salvaguardia dello stesso. Come interpretare, dunque, la processualità attraverso le fonti iconografiche? Attraverso quali percorsi di metodo è possibile trasferire una conoscenza diacronica e comparativa in scelte operative? Tale orizzonte di approfondimento propone studi pluritematici connessi al possibile intreccio tra la prassi e il riconoscimento, attraverso le fonti, di processi trasformativi lenti − causati nel tempo, ad esempio, da fattori naturali esogeni, dal cambiamento climatico, da migrazioni o dall'abbandono di siti − o, all'opposto, repentini e catastrofici, quali eventi sismici, alluvioni o dissesti idro-geologici. Sia i primi sia i secondi generano nella storia nuove identità dei luoghi che i media del passato e del presente possono aiutare a decifrare con l'obiettivo di una più consapevole azione di prevenzione dal rischio e di trasmissione al futuro del palinsesto paesaggistico.


Sessione D.2

Iconografia del vissuto e dell’imperfezione. Media e interpretazione dei paesaggi storici per la conservazione del patrimonio e la comunicazione della memoria

(coord. Bianca Gioia Marino – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Le trasformazioni dell’immagine urbana e dell’identità di paesaggi storici-naturali hanno inciso sulla sfera sia fisica, sia intangibile del patrimonio. Le rappresentazioni di tali realtà in divenire, nel tempo, hanno portato a percezioni diverse del passato e diversificati approcci conservativi e/o strumentali delle architetture per la trasmissione della memoria. La sessione propone, in una prospettiva transdisciplinare, l’investigazione delle relazioni tra i media tradizionali e contemporanei – tra cui anche la fotografia, la cinematografia e i contemporanei mezzi di comunicazione – e la registrazione di caratteri della temporalità e dell’immagine del passato condizionanti modalità di conservazione e fruizione di tali paesaggi in dissolvenza.

---------------------------------


Patrocini/Enti Collaboratori:

Università degli Studi di Napoli Federico II, Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, DiARC Dipartimento di Architettura, DICEA Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale, DSU Dipartimento di Studi Umanistici - Seconda Università degli Studi di Napoli, Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale - Università degli Studi del Molise - IUF Institut Universitaire de France - University of Liverpool, Centre for Architecture and the Visual Arts - Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli - Consiglio Nazionale degli Ingegneri - Eikonocity Association for History and Iconography of European Cities and Sites - UID Unione Italiana Disegno.


Double Blind Peer Review:

La valutazione/correzione dei testi per la pubblicazione verrà eseguita con double blind peer review. I relativi atti saranno depositati presso la Segreteria del Convegno e resi disponibili dopo l’evento.


Segreteria Organizzativa:

Università di Napoli Federico II, CIRICE - Centro Interdipartimentale di Ricerca sull’Iconografia della Città Europea. - Dott. Rita Ercolino,  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it ; Sig.ra Teresa Manzi,  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it . Tel. +39081 2538009/78. CIRICE: tel. +39081 2538000/008/014.


Steps/Scadenze:

Invio degli Abstracts (testo di max 1.000 battute - spazi compresi - in italiano e in inglese): 31 gennaio 2016 (modulo online indirizzato a This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it e ai coordinatori di sessione)

Valutazione delle proposte pervenute e avviso di accettazione ai partecipanti: 6 marzo 2016

Pagamento della quota individuale di partecipazione31 marzo 2016

Invio Testi (italiano o inglese, max 20.000 battute, note incl.; max 10 figg.; impaginato max 10 pag. totali): 1 giugno 2016

Double blind peer review dei testi e avviso agli autori: 31 luglio 2016

Pubblicazione in e-book (ISBN): 27 ottobre 2016

Quota individuale di partecipazione: € 130,00 per gli strutturati (ossia per i dipendenti di ruolo presso pubbliche amministrazioni) e di € 60,00 per i non strutturati e gli accompagnatori. Accompagnatori: La quota è comprensiva di Lunches, Coffee breaks, etc., e dell’iscrizione annuale all’Associazione Eikonocity - History and Iconography of European Cities and Sites.

Versamento su c/c n. 0025/11 Banco di Napoli, intest. Centro Interdipartimentale di Ricerca sull'Iconografia della Città Europea - IBAN IT27 S010 1003 4280 0002 5000 011 - BIC IBSPITNA. Causale: "Iconografia Convegno CIRICE 2016 iscrizione".

SCARICA IL MODULO DI ISCRIZIONE:

 

 

 

 

 

 

 

 

ENGLISH VERSION

DOWNLOAD THE REGISTRATION FORM YOU FIND UP !!!

 

Call for Papers


CIRICE 2016

VII International Conference

Naples, Palazzo Gravina - October 27/29th 2016


Delli Aspetti de Paesi

Old and new Media for the Landscape Image


Starting from one of the most significant chapters of Leonardo’s Libro di Pittura, we want to focus on the media – namely on the narrative, descriptive and graphical methodologies together with the techniques adopted during the modern and contemporary age as 'diffusers' of the landscape image – and on the deriving potential models for the enhancement of the historical landscape heritage.

 

 

Scientific Committee:

Alfredo Buccaro, Università di Napoli Federico II - Director of CIRICE (Coordinator)

Aldo Aveta, Università di Napoli Federico II

Gemma Belli, Università di Napoli Federico II

Annunziata Berrino, Università di Napoli Federico II

Gilles Bertrand, Univers. Pierre-Mendès-France (Grenoble II)

Francesca Capano, Università di Napoli Federico II

Alessandro Castagnaro, Università di Napoli Federico II

Salvatore Di Liello, Università di Napoli Federico II

Antonella Di Luggo, Università di Napoli Federico II

Leonardo Di Mauro, Università di Napoli Federico II

Carlo Gasparrini, Università di Napoli Federico II

Marco Iuliano, University of Liverpool

Michael Jakob, École polytechnique fédérale de Lausanne

Daniela Lepore, Università di Napoli Federico II

Paolo Macry, Università di Napoli Federico II

Andrea Maglio, Università di Napoli Federico II

Fabio Mangone, Università di Napoli Federico II

Brigitte Marin, Université d’Aix-Marseille

Bianca Gioia Marino, Università di Napoli Federico II

Juan Manuel Monterroso Montero, Universidade de Santiago de Compostela

Roberto Parisi, Università del Molise

Maria Ines Pascariello, Università di Napoli Federico II

Valentina Russo, Università di Napoli Federico II

Paolo Sanvito, Università di Napoli Federico II

Daniela Stroffolino, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Carlo Tosco, Politecnico di Torino

Carlo Maria Travaglini, Università Roma Tre

Isabella Valente, Università di Napoli Federico II

Carlo Vecce, Università di Napoli “L’Orientale”

Massimo Visone, Università di Napoli Federico II

Ornella Zerlenga, Seconda Università di Napoli

Guido Zucconi, Università IUAV di Venezia

Organizing Committee:

Francesca Capano, Università di Napoli Federico II

Marco de Napoli, , Università di Napoli Federico II

Nunzia Iannone, Università di Napoli Federico II

Marco Malfi, Università di Napoli Federico II

Lia Romano, Università di Napoli Federico II

Daniela Stroffolino, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Alessandra Veropalumbo, Università di Napoli Federico II

Massimo Visone, Università di Napoli Federico II


MACROSESSION A

The historical construction of the image of urban and rural landscapes, among architecture, city and nature

(Discussants: Leonardo Di Mauro, Fabio Mangone)

The definition of 'historical landscape' combines cultural and diachronic aspects together with perceptive and synchronic ones, which are recognizable only by an accurate historiographical work on the urban evolution and on the iconography of the city and of the man-made territory. The challenge is to attempt to identify the signs which are drawn by natural events or by human hand in the 'perceptible' characters of the urban or rural landscape.


Session A.1

Cities and landscapes of the Ancient theme

(Discussants: Francesca Capano – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Salvatore Di Liello – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

In the urban iconography, the Ancient theme feeds the rhetoric of the ‘scenic majesty’. Archaeological humanism leads the way and the portraits of cities and landscapes become ‘visual hyperboles’ of History and Nature: starting from the XVI century, the chalcography publishing addresses a considerable production of prints to ruins, cities and landscapes, as ideal sceneries or ‘laboratories of ideas’. Between the XVIII and the XX centuries, iconography develops new contents and proposals: architects, engravers, painters and photographers create images which become interpretative models; so “delli aspetti de paesi” becomes a visual metaphor of these new models to define the meaning of cities and of their landscapes. This session aims at comparing studies and investigations about possible links, or fractures, between reality and image in the representation of the Ancient theme in the Modern and Contemporary Age.


Session A.2

Factory Portraits. Production landscapes and urban iconography in modern and contemporary Europe

(Discussants: Roberto Parisi – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Massimo Visone – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

The start of the Anglo-Saxon Industrial Revolution and Napoleonic administrative reforms marked the beginning of the great break that was to shape the evolution of the contemporary landscape. However, the mechanization of production processes and the evolution of patterns of employment were typical phenomena of the proto-industrial age, which were rooted in medieval and modern Europe.

This session focuses on the long-term role and significance of the production landscape in urban iconography. Moreover, the session aims to explore issues relating both to the mentalities, practices and knowledge that have helped shape different ways of portraying cities and sites, and to new subjects and objects of this representation.


Session A.3

A depiction of European landscape through the 20th century photography

(Discussants: Gemma Belli – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Andrea Maglio – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Since its origin, photography revealed itself as one of the ideal means to represent and describe European landscapes and urban contexts. At the beginning the pictures could not avoid to be compared with the long tradition of painting views, but soon this medium was used in quite different ways, by starting from the tourist and commercial postcards up to the fine-art photography. Today it is clear that photography is not just a medium that offers an “accurate reproduction of the nature”, as Baudelaire wrote, or a means characterized only by mimetic aims; therefore, this session focuses on the technical aspects and on the artistic needs together with the narrative possibilities of the photography, seen as a pure mean to depict the “aspetti de paesi”.


Session A.4

The landscape in the documentary, amateur and art cinematography

(Discussant: Alessandro Castagnaro – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Between the first and the second post-war period, by the means of the diffusion of the cinematography both in private and in public life, for the first time it was possible to describe the landscape by moving images. The short and the full-length films become not only media at the service of the regime propaganda or supports for instruction documentaries, but they are also instruments of artistic works or familiar memories, in which urban and rural landscapes are main characters or simple backgrounds. Therefore, today cinematography can offer a lot of  valuable opportunities in order to study city and landscape transformations.

Session A.5

The iconography of the agricultural landscape: an instrument to know and preserve the territory throughout  the centuries

(Discussant: Daniela Stroffolino – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Throughout the centuries, agriculture characterized and shaped our territories and all anthropized land, not only by determining the general perception of the landscape of those places, but also by including social, cultural, infrastructural and architectural aspects. The iconography of the agricultural landscape, starting from drawing up to photography, is linked to artistic and cognitive-practical reasons (such as registers, surveys and government investigations). The investigation of these sources is essential for the knowledge of our territories and their protection, in order to recover biodiversities, villages, disused roads and railways networks, together with rural architectures and some ancient relationships between land and water.

MACROSESSION B

Describing, narrating and communicating the landscape

(Discussants: Annunziata Berrino, Gilles Bertrand)

During the Modern and the Contemporary Age, the landscape is described by means of different categories and descriptive typologies both for public or private initiatives and cultural activities. Different categories and typologies are related to specific aims and reasons: administrative, financial, legal, military and political reasons together with scientific, economic, informative and cultural ones.

Session B.1

Describing, narrating and communicating the landscape in the modern Age

(Discussant: Gilles Bertrand – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

During the Modern Age, the scientific revolution started an acquisition process of the natural resources together with their functional and aesthetic composition in the landscape category. Rationality and  sensuality are the interpretative categories which orient the analysis, the elaboration and the narration. The session is open to scholars and researchers who want to deepen the cognitive journey practice, that spreads out and produces descriptions in which the ‘Ancient’ and the ‘Modern’ constitute the imaginary of western civilization.


Session B.2

Describing, narrating and communicating the landscape in the contemporary Age

(Discussant: Annunziata Berrino – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Starting from the early Nineteen century up to the present time, the development of technology contributes to speed up the processes of acquisition and communication of landscape descriptions and transformations. The session is open to scholars and researchers who want to deepen the peculiarities of narrative categories and techniques, together with the modalities of making public opinions and political ideas about these themes.

MACROSESSION C

Representation and communication of the landscape between tradition and innovation

(Discussants: Antonella Di Luggo, Ornella Zerlenga)

The aim of the macrosession is to focus on the modalities of survey and representation “delli aspetti de paesi” (in a more widely accepted and contemporary sense of ‘landscape’) by deepening particularly the choice of both traditional and innovative criteria, methodologies and techniques of landscape drawing and communicating.

Session C.1

Geometrical and cultural viewpoints for the urban landscape survey and representation

(Discuss.: Antonella di Luggo – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Ornella Zerlenga – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Within the field of the disciplinary sources, the session is addressed to papers that deal with themes related to the theoretical basis of urban survey and representation, between tradition and innovation, by exploring the methodologies or the descriptive instruments, and by interpreting the immaterial features and/or the qualities of the urban landscape.


Session C.2

Representing and shaping natural and artificial landscapes: technological platforms for the interpretation and the communication of complex systems

(Discuss.: Antonella di Luggo – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , Ornella Zerlenga – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Starting from the new information technologies for landscape survey and representation, the session is addressed to papers which deal with measure and modelling methodologies, with a particular attention to techniques, to documentation and to cataloguing, as well as to the definition of graphical rules and symbols.

MACROSESSION D

Temporality of landscapes between memory and image

(Discussant: Aldo Aveta)

It is proposed the discussion and argumentation about the aspects of representation and interpretation of the image of the landscape in relation to preservation of the vestiges of the past. The methods which make up the work of perception and interpretation of the natural and built environment over time are investigated on various levels with an interdisciplinary perspective aiming at identifying the current potential of the media to act in the field of conservation and fruition of landscape heritage.

Session D.1

“Paesi” in transformation. Interpreting changing dynamics to preserve the historical landscape: tools, methods, experiences

(Discussant: Valentina Russo – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

The dynamic character inherent to landscape reflects on the actions for its restoration and preservation. How to interpret, thus, the processuality by iconographical sources? Methodologically, how to transfer a diachronic and comparative knowledge into operative decisions? This cultural horizon focuses on multi-thematic studies related to the possible crosses between the practice and the recognition, through sources, of slow transformative processes − i.e. resulting over time from natural exogenous factors, climate change, migrations or abandonment of sites − or from sudden and catastrophic events, such as earthquakes, floods, landslides or hydro-geological problems. Both the first and the latter generate new identities of the places over centuries, that the media of the past and the present can help deciphering with the aim of a more conscious action of prevention from the risks and of a culturally-based transmission of the landscape palimpsest to the future.

Session D.2

Iconography of experience and imperfections. Media and interpretation of the historical landscapes for the heritage conservation and the memory communication

(Discussant: Bianca Gioia Marino – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

The transformations of the urban image and identity of the natural and historical landscape affected both the intangible and the tangible heritage. The representations of such changing realities has led, over time, to different perceptions of the past and also to various conservative and/or instrumental practices of architecture in order to transmit the memory. This session proposes, in a trans-disciplinary perspective, the investigation of the relationships between the traditional and contemporary media – including photography, cinematography and the new media – and the recording of the characteristics of temporary dimension, which influence the conservation and the fruition modes of such fading landscapes.

---------------------------------

Patronage/Collaboration:
Università degli Studi di Napoli Federico II, Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, DiARC Dipartimento di Architettura, DICEA Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale, DSU Dipartimento di Studi Umanistici - Seconda Università degli Studi di Napoli, Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale - Università degli Studi del Molise - IUF Institut Universitaire de France - University of Liverpool, Centre for Architecture and the Visual Arts - Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli - Consiglio Nazionale degli Ingegneri - Eikonocity Association for History and Iconography of European Cities and Sites - UID Unione Italiana Disegno.

Double Blind Peer Review:

The papers rating/correction for the edition will be performed with double blind peer review concept. The rating proceedings will be deposited at the Conference Secretariat and they will be made available after the event.

Organizing Secretariat:

University of Naples Federico II, CIRICE - Interdepartmental Research Centre on the Iconography of the European City. Tel. +39081 2538000/08/14. - Dr. Rita Ercolino,  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it ; Mrs. Teresa Manzi,  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it . Tel. +39081 2538009/2538078.

Short Schedule:

Abstracts submission (max 1.000 characters, blanks included): January 31st 2016 (download the partecipation form on the website www.iconografiacittaeuropea.unina.it and send to This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it and to session coordinators)

Abstracts valuation and Acceptance notificationMarch 6th 2016

Subscription individual fee paymentMarch 31st 2016

Papers delivery (Italian or English, max 20.000 characters, notes incl., max 10 figg.; in any case, max 10 final printed pages): June 1st 2016

Double blind peer review of papers and notification to authors: July 31st 2016

E-book publication (ISBN): October 27th 2016

Subscription fee (individual):

€ 130,00 for researchers employed in a public administration and € 60,00 for independent researchers, scholars, students and accompanying persons. The registration fee includes lunches, coffee breaks, congress materials and the annual registration to ‘Eikonocity - History and Iconography of European Cities and Sites’ Association. C/C 0025/11 Banco di Napoli – Account Holder: Centro Interdipartimentale Iconografia Città Europea - IBAN IT27 S010 1003 4280 0002 5000 011 - BIC IBSPITNA. Cause: “Iconografia Convegno CIRICE 2016 iscrizione”

DOWNLOAD THE REGISTRATION FORM YOU FIND UP !!!

 

 

 

ARCHIVIO NEWS

 

 

Città mediterranee in trasformazione:

identità e immagine del paesaggio urbano

tra Sette e Novecento

English version

 

Il Convegno, svoltosi a Napoli il 13-15 marzo 2014 e aperto a studiosi di ambito nazionale e internazionale, si è posto l'obiettivo di fare il punto sulla storiografia riguardante la città mediterranea in età contemporanea, con particolare riferimento alla sua identità, struttura e immagine dall’inizio dell’industrializzazione all’età post-illuminista e borghese, fino ai temi inerenti l’evoluzione/involuzione del territorio e del paesaggio post-industriale, nonché lo sviluppo del modello turistico tra Otto e Novecento. (Scarica il programma in pdf)

Programma generale delle sessioni

Programma dettagliato

Con il patrocinio di:
Università degli Studi di Napoli Federico II, Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, Dipartimento di Architettura,
Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale, Dipartimento di Studi Umanistici -
Seconda Università degli Studi di Napoli - Università degli Studi del Molise -
University of Liverpool, Centre for Architecture and the Visual Arts -
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli -
Consiglio Nazionale degli Ingegneri -
Eikonocity Association for History and Iconography of European Cities and Sites -
U.I.D. Unione Italiana Disegno

AVVISO DEL COMITATO ORGANIZZATORE:
E' DISPONIBILE LA PUBBLICAZIONE IN E-BOOK DEGLI ATTI DEL CONVEGNO, A CURA DI ALFREDO BUCCARO E CESARE DE SETA, EDITA DALLE EDIZIONI SCIENTIFICHE ITALIANE (ESI).
PER PRENOTARE L'EDIZIONE INTEGRALE DEGLI ATTI IN E-BOOK O A STAMPA, CONSULTARE IL SITO ESI (www.edizioniesi.it).

 

Comitato Scientifico:

Gilles Bertrand, Université de Grenoble

Alfredo Buccaro, Università di Napoli Federico II - CIRICE

Cesare de Seta, Università di Napoli Federico II

Andreas Giacumacatos, Aristotle University of Thessaloniki

Deborah Howard, University of Cambridge

Michael Jakob, Haute École du Paysage, d’Ingégnierie et d’Architecture de Genève

Brigitte Marin, Université d’Aix-Marseille

Juan Manuel Monterroso Montero, Universidad de Santiago de Compostela

Carlo M. Travaglini, Università di Roma Tre - CROMA

Guido Zucconi, Istituto Universitario di Architettura di Venezia

 

Comitato Organizzatore / Coordinamento scientifico delle sessioni:

Annunziata Berrino, Università di Napoli Federico II

Giulia Cantabene, Università di Napoli Federico II

Francesca Capano, Università di Napoli Federico II

Salvatore Di Liello, Università di Napoli Federico II

Leonardo Di Mauro, Università di Napoli Federico II

Marco Iuliano, University of Liverpool

Roberto Parisi, Università del Molise

Maria Ines Pascariello, Università di Napoli Federico II

Maria Perone, Università di Napoli Federico II

Daniela Stroffolino, Consiglio Nazionale delle Ricerche

Massimo Visone, Università di Napoli Federico II

Ornella Zerlenga, Seconda Università di Napoli

 

Blind Peer Review:

La selezione è stata sottoposta a blind peer review, venendo affidata ogni proposta a tre referee. I relativi atti sono stati depositati presso la Segreteria del Convegno e resi noti entro il 30 ottobre 2013.

Segreteria Organizzativa:

Università di Napoli Federico II - Centro di Ricerca sull’Iconografia della Città Europea. Tel. +39081 2538000/08/14. - Dott. Rita Ercolino, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it ; Dott. Valeria Mirabella, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it . Tel. +39081 2538070/78.

Steps/Scadenze:

Invio abstract (italiano e inglese): 10 agosto 2013, max 1.000 battute

Valutazione abstract e avviso di accettazione ai partecipanti: 30 ottobre 2013

Invio abstract definitivo e pagamento della quota di partecipazione: 30 novembre 2013

Invio testi (in italiano e in inglese, max 30.000 battute (note incl., max 7 figg.): 31 gennaio 2014

Pubblicazione degli ATTI in e-book(ISBN): 12 marzo 2014

AVVISO: La pubblicazione sulla Rivista eikonocity, che farà seguito al Convegno, vedrà la partecipazione dei soli contributi scelti dal Comitato Scientifico Internazionale.

Quota di iscrizione: 120,00 € per gli strutturati (ossia per i dipendenti di ruolo presso pubbliche amministrazioni) e di 50,00 € per i non strutturati. La quota è comprensiva dell’iscrizione annuale all’Associazione eikonocity - History and Iconography of European Cities and Sites e del primo numero della Rivista.

Versamento su c/c n. 0025/11 Banco di Napoli, intest. Centro Interdipartimentale di Ricerca sull'Iconografia della Città Europea - IBAN IT27 S010 1003 4280 0002 5000 011 - BIC IBSPITNA. Causale: "Quota iscrizione Convegno CIRICE 2014".

 

Sessioni/Coordinatori

1. Tipi urbanistici e modelli iconografici ricorrenti: dal vedutismo alla cartografia

(C. de Seta, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - A. Buccaro, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

J.P. Hackert, Veduta della campagna romana con la Piramide Cestia

 

2. Invenzione e promozione dell'immagine della città turistica

(A. Berrino, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - L. Di Mauro, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

A. Craffonara, Rapallo, 1931 ca. (da Turismo d'autore, 2008)

3. Gli archivi e le fonti: dal cartaceo al digitale

(M. Perone, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - D. Stroffolino, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

G.M. Vitale, Monumento sepolcrale di Carlo Spinelli, Breda

4. Rappresentazione e ricostruzione virtuale dell’immagine urbana

(M.I. Pascariello,  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - O. Zerlenga, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

Encyclopédie di Diderot e d’Alembert, La camera oscura

 

5. Architetture e caratteri evolutivi nei ritratti delle città di mare

(S. Di Liello, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - R. Parisi, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

F. Albotto, Il Ponte di Rialto

6. L’immagine storica delle città e del paesaggio dell’entroterra

(G. Cantabene, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - M. Visone, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

T. Patini, Castel di Sangro

7. Le trasformazioni del paesaggio urbano nella fotografia e nella cinematografia

(F. Capano, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it - M. Iuliano, This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it )

G. Pagano, Carbonia

 

- Al termine del convegno, il 13 marzo 2014, si è svolta una Tavola Rotonda a cui hanno partecipato i membri del Comitato Scientifico.

 

Descrizione dei contenuti delle sessioni:

 

1. Tipi urbanistici e modelli iconografici ricorrenti: dal vedutismo alla cartografia

Nel corso dell’età contemporanea, la città e il paesaggio mediterraneo vengono rappresentati nel loro divenire attraverso strumenti, metodi e modelli ben riconoscibili nella produzione iconografica e cartografica.

Dalle testimonianze dei viaggiatori e degli artisti del Grand Tour a quelle dei pittori di paesaggio dell’età romantica; dalla rappresentazione dei disastri naturali alla retorica dei programmi di ricostruzione o di rifondazione, dai progetti di nuove città o di nuovi borghi fino alla diffusione dell’immagine conseguente alla nascita del turismo ‘di massa’ e dei suoi strumenti di propaganda: quale è stata l’evoluzione del modello vedutistico? E quali gli intrecci o, se si vuole, i compromessi rispetto al parallelo, inarrestabile progresso della cartografia e della topografia? Quali, infine, gli strumenti posti proprio dall’evolvere delle tecniche di rilevamento urbano, ma anche dei mezzi di trasporto e di comunicazione, al servizio della maturazione dell’idea di ritratto della città e del paesaggio mediterraneo ai fini della diffusione della loro immagine e identità?

 

2. Invenzione e promozione dell'immagine della città turistica

Nel secondo Ottocento, con la maturazione del comparto dei servizi e del fenomeno turistico, la concorrenza tra le località diviene un fattore importante. La necessità di essere visibili sul mercato spinge imprese ed enti locali a utilizzare la comunicazione pubblicitaria e talora ad associarsi per far fronte alle sempre più costose tecniche di illustrazione e di comunicazione.

Ma quali sono i contenuti e i caratteri dell’iconografia della città per la comunicazione turistica tra secondo Ottocento e Novecento? Esiste un codice occidentale europeo di rappresentazione? Esiste una corrispondenza tra descrizione testuale e rappresentazione iconografica? Quale immaginario della città turistica viene elaborato? E quando e come muta l’iconografia della città turistica al mutare dell’immaginario delle pratiche turistiche?

 

3. Gli archivi e le fonti: dal cartaceo al digitale

La sessione intende affrontare due tematiche principali: la prima riguarda tipologie ‘non tradizionali’ di fonti per lo studio dell’iconografia urbana, la seconda le sedi – reali e virtuali – di reperimento di tali fonti.

Siamo abituati ad associare l’iconografia urbana ad un’immagine incisa o dipinta su supporti tradizionali, quali carta, tela, muro: ci interessa ora ampliare l’ambito d’interesse con iconografie di città intagliate, scolpite, modellate, fino agli ultimi casi di ricostruzioni virtuali tridimensionali di città storiche.

Con riferimento, quindi, a tali immagini urbane meno consuete, si vuole porre l’accento sull’importanza dei ‘tesori nascosti’, ossia delle inedite raccolte d’immagini, realizzate su incarico pubblico o privato – ricadenti nell’ambito temporale considerato – e conservate in collezioni private, musei, archivi, biblioteche oggi accessibili anche online.

 

4. Rappresentazione e ricostruzione virtuale dell’immagine urbana

La sezione tematica è incentrata sull'analisi grafica delle fonti iconografiche con particolare attenzione alla lettura critica del progetto di costruzione figurativa dell'immagine di un contesto urbano e paesaggistico, nonché architettonico. In tal senso, topografia vedutistica e cartografia descrittiva saranno i principali campi di studio, indagine e applicazione di questa sezione tematica.

Nello specifico, l’analisi grafica sarà calata nel contesto culturale che ha generato l’immagine stessa, con riferimento ai fondamenti scientifici della rappresentazione e con la conseguente scelta critica delle metodologie e delle tecniche di rappresentazione, sia geometriche che pittoriche, utilizzate per la costruzione iconografica. La pubblicistica prodotta, anche di recente, su questo tema conferma quanto tale costruzione, e la conseguente manipolazione dei dati di partenza, costituiscano occasione precipua per veicolare potenziali comunicativi diversi.

Peculiare interesse sarà infine rivolto all’analisi e verifica grafica della corrispondenza dei luoghi rappresentati con quelli reali, ricorrendo per questo anche ai più innovativi sistemi digitali di rappresentazione e decostruzione dell’immagine stessa.

 

5. Città di mare: architetture e caratteri evolutivi nell’iconografia storica

Nel ricco corpus dell’iconografia urbana europea, le città sul Mediterraneo costituiscono l’immagine archetipica di un’antica koinè classica e bizantina, che a lungo ha influito sul carattere identitario di molti paesaggi di mare, ancora in età borghese e post-industriale.

Tra Oriente e Occidente, dai primi ‘ritratti’ alle più recenti tecniche di rappresentazione visiva, l’iconografia storica restituisce spesso immagini sottese alla retorica di una ‘maestà scenica’ inquadrata nello specchio di paesaggi ameni, ma anche scenari territoriali e urbani segnati da profondi e talvolta laceranti processi evolutivi.

La sessione intende confrontare idee e ricerche sul legame fra architettura, forma urbana e iconografia nella storia delle città mediterranee dagli anni del Grand Tour al secondo Novecento.

 

6. L’entroterra: evoluzione e iconografia della città e del paesaggio

La focalizzazione degli studi sui principali centri urbani e sul paesaggio delle coste ha sostanzialmente posto in secondo piano le ricerche sull’entroterra. Le grandi trasformazioni territoriali che, tra il xviii e il xx secolo, hanno coinvolto le aree interne del bacino del Mediterraneo aprono ora inedite prospettive di ricerca sui caratteri della riconoscibilità storica dei centri abitati e del territorio nel suo insieme.

Quanto hanno influito i fenomeni legati ai grandi eventi della storia contemporanea? In che misura i flussi demografici, l’industrializzazione, le politiche di investimento turistico, nonché i terremoti e le trasformazioni legate al dissesto idrogeologico e agli incendi hanno consolidato, modificato o snaturato l’identità dell’entroterra mediterraneo e i suoi modelli iconografici?

La sessione vuole offrire uno spazio di dialogo per i diversi studi che analizzano un fenomeno multidisciplinare di grande attualità alla luce delle ricerche più recenti.

 

7. Le trasformazioni del paesaggio nella fotografia e nella cinematografia

La fotografia e il cinema si sono sviluppati in modo parallelo alla grande crescita che hanno subito le città mediterranee. Questi formidabili strumenti d’innovazione tecnologica hanno registrato con immediatezza i mutamenti urbani, territoriali e culturali, agendo da veicolo di conoscenza per centri lontanissimi geograficamente e contribuendo in maniera rilevante a costruire realtà alternative, spesso immaginarie.

Dalla seconda metà dell’Ottocento si aprono con rapidità in Europa studi fotografici e cinematografici, in un intenso momento di trasformazione urbana, spesso evidenziata dai nuovi strumenti di rappresentazione. Le più evidenti degenerazioni provocate da una crescita incontrollata del territorio nel secondo dopoguerra saranno fissate, ancora una volta, su pellicola e celluloide.

Questa sessione multidisciplinare vuole richiamare l’attenzione degli studiosi su tale 'nuova' documentazione per la storia della città e del paesaggio, superando la tradizionale visione settoriale su questo tema e aprendosi anche alle più recenti forme di registrazione del territorio - sia video, sia fotografiche - che, sul finire del Novecento, hanno utilizzato in maniera altamente espressiva gli strumenti tecnici. Si intende dare quindi uno spaccato esaustivo e coerente dello stato dell’arte attraverso la documentazione d’archivio che, correttamente analizzata, può aiutarci non solo a comprendere meglio il nostro passato, ma a costruire un futuro più consapevole.

 

Iscrizione via web: modulo online indirizzato a This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it e ai coordinatori di sessione.

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)